Non nego che in questo ultimo periodo faccio fatica a comprenderla, presidente Laura Boldrini.

E mi dispiace veramente, visto che avevo accolto con entusiasmo la sua nomina.

Ma certe sue prese di posizione mi lasciano veramente con l’amaro in bocca.

L’ultima ieri : Basta spot con la mamma che serve la famiglia a tavola.

Ma è veramente così terribile che una persona serva, alle persone a cui vuole bene, quello che ha cucinato?

E’ anche questa una questione sessista da combattere?

Io non riesco veramente a comprendere e penso anche che certe esternazioni facciano male alle battaglie che noi donne combattiamo da anni.

Non era meglio spendere una parola su quelle pubblicità che cercano di vendere con il corpo delle donne o con i loro drammi (veda campagne che utilizzano il femminicidio per attirare consensi)?

Il mio problema di donna non è cucinare o servire a tavola.

Sarebbe un problema se quello dovesse diventare un obbligo.

Ci sono questioni molto più importanti da affrontare, come ad esempio l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Come ad esempio la mancanza totale di una rete di asili nido pubblici.

Come ad esempio il fatto che una donna quando rientra dalla maternità spesso non trova nemmeno la scrivania.

Come, ad esempio, sta diventando veramente complicato per le donne prendersi cura dei genitori anziani, in quanto l’età pensionabile è sempre più lontana e non tutti se la sentono o si possono permettere di inserire i propri genitori nei ricoveri.

Ci sono veramente troppi problemi, che noi persone comuni viviamo ogni giorno sulla nostra pelle.

Le chiedo un favore, Presidente Boldrini.

Non vanifichi tutte le lotte, che le donne ogni giorno fanno,  con certe uscite sensazionalistiche.

Non servono a lei e nemmeno a noi.

Grazie

Marta

Annunci