vanity

Sinceramente ieri ho letto due righe dell’intervista e mi è salita una tristezza infinita.
Non tanto per il desiderio della ministra (perché ognuno tende a ciò che vuole) ma alla ribalta che i giornali hanno dato a questi suoi desideri.
Come se l’esistenza di una donna si limitasse ad accompagnarsi e a fare figli.
Come se non esistessero donne che tendono a qualcos’altro.
E infatti di queste donne, di cui il mondo è pieno, i giornali non parlano mai.
Parlo delle donne che amano con tutte sè stesse il proprio lavoro, che hanno una buona rete di amicizie, che non si sentono sole senza compagno, che magari a volte (apriti cielo) scelgono di non fare figli.
La solitudine peggiore non è non avere una persona accanto, ma è quella di non saper stare soli con sé stessi.
Poi, per quanto riguarda la ministra Boschi come a tutte le altre donne, auguro che tutti i suoi desideri si possano realizzare.
Senza che i giornali e la società ci facciano credere che un desiderio è meglio dell’altro.
Questo il mio pensiero.
Qui quello di Eretica Whitebread, che anche oggi condivido.

Questo un post che avevo scritto su DonneViola nel 2011:

http://donneviola.wordpress.com/2011/08/31/apriti-cielo/

Sono passati 3 anni, ma la morale purtroppo rimane sempre la stessa.

Annunci