Se c’è una cosa di cui sono certa è che certi siti non tutelano le persone, e non hanno alcun rispetto per i bambini.
Sarò esagerata, forse troppo incazzata, ma se un sito come Leggo può sbattere nella sua pagina Facebook la foto del presunto assassino di Yara definendolo Il mostro e pubblicando a corredo di tale affermazione una foto del sospettato con la sua bimba qualche problema c’è.
La certezza è che manca l’etica e il rispetto per i minori.
Perché Yara non rivivrà attraverso queste carrellate del dolore, dell’orrore.
E in più ci sono tre bambini da tutelare.
Tre bambini innocenti anche se il padre verrà riconosciuto colpevole.
E un bambino non si tutela di certo aumentando i pixel.

20140616-221439-80079228.jpg

Annunci