Oggi è una giornata in cui continuano a salirmi le lacrime.

Dalla mattina iniziata con i 700 esseri umani inghiottiti dal Mediterraneo, al pomeriggio a Bulciago in ricordo di Vittorio Arrigoni.

Un pomeriggio iniziato con il ricordo di Simone Camilli e che ha riconfermato, anche se per me era già un dato di fatto, l’umanità della famiglia Arrigoni.

E su Ahmed Ba, che attraverso la sua rappresentazione teatrale ci ha fatto viaggiare con lui su uno dei barconi che cavalcano le onde del nostro mare, io lo dico e non mi vergogno che ho pianto e quanto ho pianto.

Nella pancia sentivo il dolore di questi uomini, di queste donne, di queste madri, di questi padri, dei loro figli.

Lo sentivo a tal punto questo dolore, da avere come la sensazione di avere un pugno nello stomaco.

E tornando a casa pensavo alla foto che nel pomeriggio ho fatto ai nuovi nati.

  

Tre cuccioli rannicchiati l’uno nell’altro.

E pensavo che forse ci salveremmo tutti se fossimo capaci  di un’empatia di questo tipo nei confronti dell’altro.

Se al posto delle barricate ci raggomitolassimo nell’altro forse quello che è successo oggi non accadrebbe più.

#buonanotte

Annunci