L’otto marzo ingresso gratuito ai musei per le donne.Forse il ministro Franceschini non sa che da donna non ho bisogno di questo gesto interessato.

Che sarò strana ma ancora pretendo di pagare la mia parte di conto.

Che non accetto regali se non disinteressati.

Il ministro Franceschini di certo non pensa che il governo magari piuttosto di fare queste uscite ad effetto farebbe bene a fare in modo che per una donna la ricerca di lavoro non continui ad essere un’odissea, contornata tra l’altro da “ha figli?” “Ha intenzione di averne?”.

Magari Franceschini non sa che le donne reali si guadagnano tutto quello che hanno, a suon di sacrifici.

Che è difficile per una donna reale arrivare a in una buona posizione in un’azienda se non ha reali capacità. E che per farlo ci dovrà mettere almeno il doppio dell’impegno di un uomo e prendere uno stipendio nettamente inferiore.

Non sa forse il ministro Franceschini che Renzi ha parlato tanto di asili nido ma ad oggi siamo messe come prima.

Non sa che ci sono donne che sono costrette a lavorare oltre un tempo umanamente concepibile per le varie riforme che non tengono mai conto della persona.

Ecco quindi caro ministro Franceschini faccia in modo che il governo si impegni sui problemi veri.

Per quanto mi riguarda l’otto marzo andrò in un museo e pretenderò di pagare.

Annunci