Cerca

lamartocchia

Sono figlia del cammino, la carovana è la mia casa (Amin Maalouf)

Categoria

Poesia

In questi silenzi

IMG_5820

Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s’abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità.
Lo sguardo fruga d’intorno,
la mente indaga accorda disunisce
nel profumo che dilaga
quando il giorno più languisce.
Sono i silenzi in cui si vede
in ogni ombra umana che si allontana
qualche disturbata Divinità.

(da Il giardino di limoni di Eugenio Montale)

Le sere dei se

Se fosse stato diverso
Se avessi saputo come fare
Se potessi tornare indietro
Se potessi risolvere la cosa
Se potessi trovare una soluzione
Se potessi farvi rinascere
Se potessi rivivervi

Se potessi.
Se.
Sono le sere dei se.

Quei se che non riescono a sorgere
Pensando agli abbracci
Al mio essere la vostra Marta buffa
Al calore della mano delicata nella mia

Se potessi riamarvi come ho fatto allora
Vi riamerei.

Il circo della farfalla

Ma se tu vedessi la bellezza che può nascere dalle ceneri

Buona visione 😉

 

La tribù degli indiani Cucù

A Cami e Lollo che domani cominceranno una nuova avventura.
Quando penso ai miei primi giorni di scuola, non so per quale motivo, mi viene sempre in mente Rodari.

20130911-213015.jpg

Conosci la tribù degli indiani Cucù?
C’è l’indiano Cuore che raccoglie le more,
c’è Cuoio un indianone che fa lo stregone,
c’è Scuola l’indiana che fila la lana,
c’è l’indiano Cuoco che accende un bel fuoco.
Conosci la tribù degli indiani Cucù?
Se li scrivi con la Q ride tutta la tribù!!!!!

Il mio posto, nel mondo

Vorrei perdermi nel mio posto, nel mondo
Vorrei camminare senza nessun punto di arrivo
Vorrei salire su una montagna senza dover guardare giù
Vorrei fare i gradini a due a due
Vorrei di colpo salire su

Vorrei sentire la terra sotto i miei piedi
Vorrei scendere lungo quel fiume
Vorrei non dovermi fermare
Vorrei sentire l’odore dell’erba bagnata
Vorrei saltare sulla sabbia cocente

Vorrei sentire la pelle che arde
Sentire solo quello
E poi il freddo, trovare riparo
Sentire l’acqua dietro la schiena

Vorrei il mio posto, nel mondo.
Vorrei semplicemente non tornare più.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Penny

Corri e salvati. Poi torna.

Franz is running

Above all, try something.

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

RASSEGNA FLP: materiali da testate generaliste su Freud, Lacan, la psicoanalisi

"... evitiamo di sacralizzare il testo, e lasciamoci piuttosto impregnare dall'opera, dato che quello di Freud è un pensiero in perpetuo movimento" (J.-B. Pontalis).

Polvere da sparo

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa _Amin Maalouf_

WOMEN NOT AFRAID

“Siamo pervase dalla nostalgia per l’antica natura selvaggia. […] Ci hanno insegnato a vergognarci di un simile desiderio.” C. P. E.

Due

No Blog

assolocorale

dum fata sinunt vivite laeti

lamartocchia

Sono figlia del cammino, la carovana è la mia casa (Amin Maalouf)

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

BatBlog

pensieri per resistere, idee per vivere. meglio.

DonneViola

Siamo Donne Viola, donne che non hanno bisogno di urlare e prevaricare per far sentire la propria voce nella società

perchénoblog

è una questione di domande

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: